Materiali: Washi tape

Amanti delle cose cartopazzose a rapporto! Chi non adora i washi tape? Non ho una grande collezione (per ora), ma ecco i miei washi tape.

 

 

Cosa è il washi tape?

Tipicamente il Washi Tape è realizzato in fibre naturali, come ad esempio il bambù o la canapa, ma più comunemente dal materiale ricavato dalla corteccia di alcuni alberi nativi del Giappone. Il termine Washi deriva da wa, che significa giapponese, e shi che significa carta, e indica la carta utilizzata in molte arti tradizionali giapponesi, come l’origami. Il washi ha poi trovato applicazione anche come nastro adesivo, appunto il washi tape. La sua peculiarità principale è dovuta alla possibilità di attaccarlo e staccarlo senza lasciare tracce, il che permette di reinventare ogni giorno lo stile della propria casa e degli oggetti che preferiamo.*

 

A cosa serve?

I Washi tapes possono essere utilizzati come semplice nastro adesivo colorato, quindi, ad esempio, per attaccare al muro le nostre foto preferite oppure per evidenziare porzioni di testo (il washi tape è infatti semitrasparente), oppure per creare biglietti di auguri, da utilizzare nello scrapbooking, per realizzare bandierine da attaccare alle pareti o per decorare pacchi regalo, e molto altro.*

*testo tratto dal sito www.washitapeitalia.com

 

 

  • Il mio primo washi tape l’ho acquistato a Madrid nel reparto cartoleria del Corte Ingles. È della Scotch e ho visto la stessa fantasia anche in Italia.
  • I successivi quattro li ho acquistati sempre a Madrid l’ultimo giorno prima di partire in un negozio chiamato Ale.Hop. È alla fine della Gran Via direzione Cibeles. Era un set composto da questi quattro washi, ognuno caratterizzato dalla ripetizione della stessa parola
  • Gli ultimi sei in basso li ho acquistati su Aliexpress da due venditori differenti, ma di cui non ricordo il nome del negozio. Li ho pagati pochissimo, meno di 1€ l’uno, ma li ho dovuti aspettare parecchio!

Sono tutti alti 1,5 cm tranne i due più fini che sono circa 0,7cm.

 

Nella seconda metà di novembre ho fatto un altro ordine su Aliexpress, questa volta preferendo i washi più sottili perché hanno dei motivi più delicati e sono molto versatili per riempire qualche buchino o per decorare in modo molto fine. Purtroppo a me le fantasie di quelli di Tiger non piacciono e non li ho mai presi, peccato perché ci vado parecchio e acquisto molte cose carine.

 

E voi quanti washi avete? Dove li comprate di solito? In Italia sono ancora difficili da trovare e soprattutto le fantasie non sono niente di che, concordate?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *